Esami secondo ciclo

Esami del secondo ciclo (superiori)

Esame di Stato conclusivo della scuola secondaria di II grado

Gli esami di Stato per le scuole superiori inizieranno il 22 giugno alle ore 8:30, con la prima prova scritta, quella di italiano. Una prova predisposta a livello nazionale, che prevede sette diverse tracce, suddivise in tre tipologie di testo.

Si proseguirà poi il giorno successivo con la seconda prova scritta, che avrà per oggetto una sola disciplina tra quelle caratterizzanti il percorso di studi (sul sito della Scuola italiana è pubblicata l’ordinanza con l’indicazione delle materie caratterizzanti per ogni indirizzo). La seconda prova quest’anno sarà predisposta dalle singole scuole, in modo da tenere conto degli argomenti effettivamente svolti, in considerazione dell’emergenza sanitaria.

Ultima prova dell’esame sarà il colloquio, che si aprirà con l’analisi di un materiale scelto dalla Commissione (un testo, un documento, un problema, un progetto). Nel corso della prova orale il candidato o la candidata dovrà dimostrare di aver acquisito i contenuti e i metodi propri delle singole discipline e di aver maturato le competenze di Educazione civica. Analizzerà poi, con una breve relazione o un lavoro multimediale, le esperienze fatte nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (ex alternanza scuola-lavoro). All'interno del colloquio una parte verrà riservata all’accertamento delle competenze in seconda lingua, tedesco.

La Commissione sarà composta da sei commissari interni e un Presidente esterno.

La valutazione finale sarà espressa in centesimi. Al credito scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 50 punti. Alla prova scritta di italiano saranno attribuiti fino a 15 punti, alla seconda prova un massimo di 10 e al colloquio fino a 25 punti. La lode potrà essere infine assegnata in presenza di specifici requisiti, attestanti l’eccellenza (massimo punteggio) in tutti i risultati di esame e di carriera scolastica.

La partecipazione alle prove nazionali Invalsi non costituirà requisito di accesso alle prove. Lo stesso sarà per il monte ore dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento, che saranno oggetto del colloquio ma senza un monte ore minimo di riferimento obbligato.